RISO JOLLOF

RISO JOLLOF

Tempo di preparazione:

sopra i 60 Minuti

Informazioni nutrizionali:

414kcal / per porzione

Portata:

Primo

i

Area geografica:

Africa

Impatto ambientale:

Basso (-3.57kg CO2 eq) i

Ricetta in partnership con

Il riso Jollof è un piatto che non può mancare nelle riunioni familiari delle popolazioni dell’Africa occidentale. La sua origine è oggetto di aspra contesa tra Ghana, Nigeria e altri Paesi di questa regione africana. Essenzialmente un piatto unico composto da carne e riso stufati in un intingolo a base di pomodori, cipolle, peperoncino e spezie, il riso Jollof è presente sulle tavole delle famiglie dell’Africa occidentale come piatto principale e fonte di amidi.
Il piatto prevede un procedimento piuttosto complesso, in cui è importante l’ordine in cui vengono aggiunti gli ingredienti, anche se naturalmente il fattore determinante è l’abilità del cuoco.

Ingredienti per 4 porzioni

  • petto di pollo senza pelle, a cubetti 270 g
  • pomodori grandi 4
  • concentrato di pomodoro 20 g
  • peperoncini rossi, privati dei semi e tritati 2
  • cipolla, tritata 1
  • peperone rosso, privato dei semi e tritato grossolanamente 1
  • spicchi d'aglio, pelati 5
  • foglie di rosmarino fresco 3 g
  • foglie di timo fresco 3 g
  • coriandolo macinato 3 g
  • paprica dolce affumicata 5 g
  • olio di canola 15 ml
  • pomodori ciliegini, tagliati a metà 100 g
  • brodo di pollo o vegetale 600 ml
  • piselli 35 g
  • cavolfiore, spezzettato grossolanamente 100 g
  • funghi, tagliati a metà 70 g
  • foglie di alloro 2
  • riso a chicco lungo, sciacquato 320 g
  • olio di canola 15 ml
  • platano maturo, sbucciato e tagliato a fette spesse 1
  • manciata di foglie di coriandolo, tritate grossolanamente 1
  • Sale marino e pepe nero macinato al momento
  • Insalata verde, di accompagnamento

Preparazione

1.

In un frullatore o un robot da cucina, frulla insieme i pomodori, il concentrato di pomodoro, i peperoncini, la cipolla, il peperone, l’aglio, il rosmarino, il timo, il coriandolo macinato e la paprica fino a ottenere una consistenza omogenea.

2.

Scalda l’olio a fuoco medio in una casseruola con il fondo pesante. Aggiungi la miscela frullata. Porta a bollore continuando a mescolare, quindi riduci la fiamma e lascia sobbollire per 5 minuti mescolando di tanto in tanto.

3.

Aggiungi il brodo, le foglie di alloro, il riso, il cavolfiore, i piselli, un cucchiaino e mezzo
di sale e un generoso pizzico di pepe nero.

4.

Mescola per amalgamare il tutto e porta di nuovo a bollore. Riduci la fiamma e lascia sobbollire per 10-12 minuti fino a quando il riso sarà cotto, mescolando frequentemente per impedire che si attacchi.

5.

Spegni il fornello, copri la casseruola con il coperchio e completa la cottura a vapore per 15 minuti senza togliere il coperchio.

6.

Nel frattempo scalda il restante olio di canola in una padella a fuoco medio. Fai saltare il pollo fino a quando avrà assunto un colore dorato e sarà completamente cotto. Toglilo dalla padella e mettilo da parte, trasferisci nella stessa padella i funghi e i pomodori ciliegini e falli rosolare fino a quando saranno dorati.

7.

Friggi il platano alcuni minuti per lato fino a quando sarà dorato e tenero.

8.

Distribuisci alcune cucchiaiate di riso Jollof su dei piatti caldi e ricoprilo con le fette di platano, il pollo, i funghi e i pomodori ciliegini.

9.

Guarnisci con il coriandolo fresco tritato e servilo accompagnato da un’insalata verde.

Impatto ambientale

Basso

Dettagli

Per porzione:

-3.57kg CO2 equivalente i

Impronta di carbonio



Per non pesare troppo sull'ambiente, ti consigliamo di rimanere entro 1 kg CO2 equivalente ad ogni pasto, considerando tutte le portate consumate. Ricorda che è più probabile che i primi piatti abbiano un impatto ambientale minore rispetto ai secondi e che i contorni di verdura pesano in genere molto poco sull'ambiente.

Anche se alcune delle nostre proposte eccedono il valore consigliato di 1 kg CO2 equivalente per pasto, non significa che non vadano mai preparate, perché il bilancio complessivo è quello che conta: un'alimentazione sana e amica dell'ambiente, applicata regolarmente e nel lungo periodo compensa anche i piatti più impattanti, se consumati saltuariamente.